CHI SIAMOIL PORTALECAMERE DI COMMERCIOCONTATTILINKSNEWSCREA IL TUO REPORT
TRAIL - Portale nazionale delle infrastrutture di trasporto e logistica del sistema camerale
Unioncamere
Accesso Area Riservata
Non sei ancora registrato? Clicca qui.
Cerca nel sito
INTERVENTI / Viabilità / Italia / Lombardia
Tangenziale Est Esterna di Milano
TIPOLOGIA DI INTERVENTO
Nuova realizzazione
OBIETTIVI

La realizzazione della T.E.M. risponde a due esigenze prioritarie:

  1. la necessità di creare un nuovo sistema tangenziale, più esterno a quello attuale che ha raggiunto la saturazione con 160.000 veicoli al giorno; 
  1. contribuire al potenziamento del sistema viabilistico ed infrastrutturale di Milano e di tutta la regione. L'intervento, infatti, si somma ad altre opere fondamentali quali l’autostrada Pedemontana, il completamento della Tangenziale Nord (Rho – Monza) e, a est, il collegamento diretto Milano – Brescia (Brebemi), che si inserisce nella nuova Tangenziale Est appena ad ovest del fiume Adda, in comune di Melzo.
DESCRIZIONE INTERVENTO

L’ipotesi realizzativa della nuova Tangenziale Est Esterna di Milano deriva sia dalla forte e crescente esigenza di relazioni infraprovinciali autonome rispetto all’assetto metropolitano milanese (da e per l’area briantea, solo per fare un esempio) e pertanto tangenziali ad esso, sia dalla ormai palese impossibilità dell’esistente rete stradale e autostradale di reggere ulteriormente il carico viabilistico, interno e di transito. Carico che oggi soffoca l’attuale sistema tangenziale (A50, A51, A52 e tratto nord della A4), ove si registrano volumi di traffico con punte da primato europeo e valori medi giornalieri sull’attuale Tangenziale Est superiori a 150.000 veicoli, di cui quasi il 20% pesanti. Tale situazione di emergenza è ulteriormente stressata dall’ormai imminente rafforzamento dell’asse di scambio con le aree ad est di Milano, rappresentato sia dalla nuova autostrada Milano-Brescia, sia dal potenziamento a quattro corsie per senso di marcia del tratto dell’autostrada A4 tra Milano Est e Orio al Serio.

La funzione essenziale della Tangenziale Est Esterna di Milano sarà quindi quella di intercettare e assorbire importanti quantità di traffico che ora sono costrette a muoversi su arterie fortemente congestionate, e allo stesso tempo entrare nel nuovo assetto complessivo della mobilità lombarda che prevede in pochi anni di sviluppare 180 km di nuove autostrade e 95 km di interventi sulla viabilità ordinaria. Da questo punto di vista fra gli assi primari esterni all’area urbana milanese attualmente programmati, si individuano: ad Ovest di Milano la bretella Boffalora (A4)- Malpensa, la variante nord della S.S. 341 da Vanzaghello a Busto Arsizio (S.S. 336), la bretella di Gallarate (S.S. 336- A8), il potenziamento della S.S. 38 del Sempione e la viabilità del Nuovo Polo Fieristico Europeo; a nord di Milano il sistema autostradale Pedemontana Lombarda, comprensivo delle tangenziali di Varese e Como; a est di Milano la nuova Tangenziale Est Esterna, con il duplice scopo di alleggerimento dell’attuale Tangenziale e del sistema di provinciali (S.P. 13 e S.P. 39) e di raccolta e distribuzione dei traffici dei principali assi di scambio da e per Milano, quali Padana Superiore (S.S. 11), Cassanese (S.P. 103), Rivoltana (S.P. 14). Paullese (S.S. 415), Emilia (S.S. 9).

Tra le diverse alternative di tracciato valutate dal gruppo di lavoro tecnico-ingegneristico facente capo a TEM SpA, si è individuato un percorso di progetto che si sviluppa per circa 40.0 km attraverso la pianura lombarda con andamento prevalentemente nord-sud, che coinvolge principalmente il territorio della Provincia di Milano per circa 32.6 km (81,5%) e solo marginalmente, praticamente lungo i soli confini provinciali, quello della Provincia di Lodi per circa 7.4  km (18,5%). Nell’attraversamento delle due province vengono a loro volta interessati complessivamente 34 territori comunali (28 Milano, 6 Lodi). Il tracciato interessa inoltre tre parchi: il Parco del torrente Molgora, Il Parco Agricolo Sud di Milano, Il Parco della Valle dell’Adda Sud. In tal senso il progetto di impatto ambientale tiene specificamente conto di queste aree di rispetto, con soluzioni adeguate di mitigazione, compensazione e valorizzazione del patrimonio arboreo. 

COMUNI INTERESSATI
Agrate Brianza (MI), Caponago (MI), Casalmaiocco (LO), Cerro al Lambro (MI), Dresamo (MI), Gessate (MI), Liscate (MI), Melegnano (MI), Mulazzano (LO), Paullo (MI), Pessano con Bornago (MI), Pozzuolo Martesana (MI), Tribiano (MI), Vizzolo Predabissi (MI)
» SCHEDA COMPLETA
Scheda aggiornata al 5/18/2015
Uniontrasporti @ UNIONTRASPORTI S.CONS.R.L. 2017 | P.Iva 08624711001 | Credits | Metodologia | Disclaimer | Copyright | Informativa sui Cookie
Valid XHTML 1.0!