CHI SIAMOIL PORTALECAMERE DI COMMERCIOCONTATTILINKSNEWSCREA IL TUO REPORT
TRAIL - Portale nazionale delle infrastrutture di trasporto e logistica del sistema camerale
Unioncamere
Accesso Area Riservata
Non sei ancora registrato? Clicca qui.
Cerca nel sito
INFRASTRUTTURE / Porto / Porto Commerciale / Italia
Porto di Ravenna
RILEVANZA
Nazionale
TIPOLOGIA
Porto Commerciale
PAESE
Italia
COMUNI INTERESSATI
Ravenna (RA)
DESCRIZIONE
Il affonda le sue tradizioni nel primo secolo a.C..
La sua posizione nel Mar Adriatico e sopratutto in un'area economica tra le più dinamiche del paese ne hanno favorito lo sviluppo ed hanno fatto si che Ravenna diventasse uno dei nodi di riferimento della portualità nazionale ed internazionale.
A differenza degli altri porti italiani, Ravenna gode del vantaggio di non essere inserito nel tessuto cittadino, per cui i traffici terrestri generati non subiscono le influenza del traffico privato. Oltre che alla rete stradale, allo stato attuale, i principali terminal sono raccordati con vari fasci di binari: così, all’incirca il 12% della merce in transito nel porto prosegue via treno.
Inoltre, lo scambio intermodale può avvenire anche con i vicini aeroporti di Forlì (distante 30 km), Rimini (60 km) e Bologna (80 km). Il porto diventa, quindi, terminal intermodale anche grazie all'attività svolta da società specializzate e dalle oltre 50 case di spedizione.
Strutturalmente si tratta di un porto canale, sulle cui sponde sono insediate anche diverse raffinerie ed industrie petrolchimiche, legate ai giacimenti di metano presenti a qualche miglia di distanza dalla costa. Infatti, un terzo del gas metano consumato in Italia è prodotto dagli impianti offshore di Ravenna.
Il porto di Ravenna è uno dei maggiori in Italia per quanto riguarda la movimentazione delle rinfuse solide: è leader nello sbarco delle materie prime per l'industria della ceramica, dei cereali, dei fertilizzanti e degli sfarinati. E', inoltre, un importante scalo per merci varie, come il legname e per i prodotti metallurgici, in particolare coils.
Il bacino di traffico principale del porto di Ravenna è costituito dal Mar Mediterraneo Orientale e dal Mar Nero, in cui è leader per i traffici di container. Risulta rilevante anche per i servizi RO-RO di cabotaggio nazionale, soprattutto nella direttrice con la Sicilia.
Il porto di Ravenna dispone, inoltre, di un terminal traghetti e passeggeri, che occupa un’area di 125.000 mq e dispone di due ormeggi per navi traghetto e di un ormeggio per navi da crociera con un fondale di 10,5 metri.
Molto intensa è anche l’attività cantieristica: presso il porto di Ravenna sono presenti diverse imprese che operano nella costruzione, trasformazione e manutenzione navale, nonché nella riparazione ed installazione di tutti i tipi di motori ed anche nel settore dell'industria estrattiva.
Le principali imprese che operano all’interno del porto di Ravenna sono: Sapir - Porto Intermodale Ravenna, Frigoterminal, Terminal Container Ravenna, Setramar, Lloyd, Docks Cereali, Eurodocks, Terminal Na.Dep., Nadep Ovest, Terminal I.F.A., Magazzini Generali del Porto di Ravenna, Terminal Soco, Italterminal, Docks E.C.S..
ENTI DI GESTIONE
S.A.P.I.R. S.p.A. - PORTO INTERMODALE RAVENNA
AUTORITA' PORTUALE DI RAVENNA
» SCHEDA COMPLETA
Scheda aggiornata al 23/4/2013
AGGIUNGI A I MIEI PREFERITI
INFRASTRUTTURE DI ACCESSO AL PORTO (strade e ferrovie)
SS 309 Romea (tratta Emilia Romagna)
INTERVENTI PREVISTI
Porto di Ravenna: nuovo terminal penisola Trattarolis
PRINCIPALI OPERATORI
TIRRENIA
GRIMALDI LINES
Uniontrasporti @ UNIONTRASPORTI S.CONS.R.L. 2017 | P.Iva 08624711001 | Credits | Metodologia | Disclaimer | Copyright | Informativa sui Cookie
Valid XHTML 1.0!